AdTo-news/Maol – Alcuni vandali hanno fatto irruzione in una chiesa avventista di Silverton, in Oregon (Stati Uniti), e hanno causato danni per 50.000 dollari. La chiesa è stata temporaneamente chiusa.

Sembra che i vandali siano entrati dopo aver sfondato una finestra. Hanno svuotato gli estintori in alcune stanze e in un corridoio; poi hanno disegnato sulle pareti «graffiti, inclusi messaggi osceni e anticristiani e una svastica», ha riferito lo Statesman Journal.

«La sala delle riunioni non è stata danneggiata, ma la polvere chimica degli estintori, sparsa per il corridoio, è colata in tutto l’edificio, lasciando dappertutto un rivestimento di sostanza caustica. Bisogna sanificare lo stabile prima di far rientrare la gente», ha affermato il capo della polizia di Silverton.

«L’alta velocità con cui il fine particolato dell’agente estinguente che viene espulso dall’estintore consente di liberare il flusso all’interno dell’edificio e dei suoi condotti di areazione», ha spiegato il capo dei vigili del fuoco. Ha poi aggiunto che le sostanze chimiche degli estintori possono causare «gravi problemi respiratori, dosi più elevate possono provocare problemi gastrointestinali. Possono anche degradare i tessuti degli abiti ed essere gravemente irritanti per la pelle».

L’atto vandalico è stato scoperto il 10 febbraio. Non è ancora chiaro per quanto tempo i 70 membri saranno costretti ad andare in un’altra chiesa.

«Siamo rattristati dal fatto che ciò accada nella comunità di Silverton» ha dichiarato Dan Linrud, presidente della Federazione avventista dell’Oregon «Siamo comunque grati che i danni non siano stati peggiori. Sono stupito nel vedere come Dio possa usare queste difficili circostanze per avvicinare le persone».