Franca Zucca – Il consiglio di dicembre parla della disponibilità a offrire. Puoi trovarlo anche sul sito del dipartimento Gestione cristiana della vita, insieme ad altre risorse.

L’offerta gradita di Maria
È la disponibilità del cuore che rende gradita un’offerta. Quando la Maestà del cielo s’incarnò diventando il figlio di Maria, ella non aveva molto per ricambiare questo dono prezioso. Ella portò al tempio una coppia di tortore, l’offerta prevista per i poveri, ma che costituiva un sacrificio valido per il Signore. Ella non poteva offrire tesori preziosi come quelli che i magi venuti dall’Oriente portarono a Betlemme deponendoli davanti al Figlio di Dio; la madre di Gesù non fu comunque rifiutata per la sua umile offerta. Dio aveva considerato la disponibilità del suo cuore e l’amore manifestato aumentava il valore della sua offerta. Dio accetta ciò che gli offriamo, anche se di modesta entità, perché è tutto ciò che abbiamo e glielo offriamo con amore.

(Tratto da E. G. White, Consigli sull’economato cristiano, Edizioni AdV, p. 125)