Ann/Maol
– Tell the World (Dillo al mondo, in italiano), la serie del 2015 sulla storia della Chiesa cristiana avventista, ha recentemente portato a casa tre «Awards of Excellence», il premio di massimo livello dell’IndieFest Film, un concorso internazionale di film indipendenti. Il lungometraggio avventista ha vinto in tre categorie: film cristiani, produzione con scopo speciale e serie web.

Dillo al mondo racconta le vicende dei primi pionieri avventisti, i quali affrontarono una grande delusione e un enorme scoraggiamento per arrivare a fondare «l’organizzazione che è stata in prima linea su questioni come la salute, l’educazione, la comunicazione e l’interpretazione biblica», afferma il sito inglese del film. Girato in Canada, in una location a Ottawa, vanta un cast di 100 attori professionisti. È la più grande produzione mai realizzata sulla storia dell’avventismo.

Il regista avventista, Kyle Portbury, che ha diretto Dillo al Mondo, lo ha portato all’IndieFest Film Awards. Dal 2008, questa competizione a livello mondiale ha lo scopo di «dare a registi di talento, produttori, attori, team creativi e creatori di nuovi media la visibilità che meritano. Scopre e premia le produzioni di registi che realizzano film  e nuovi media di alta qualità», si legge sul sito della competizione. Diversi vincitori di IndieFest hanno in seguito vinto altri premi prestigiosi, come gli Emmy o gli Oscar.

Rick Prickett, direttore del concorso IndieFest, osserva che «i giudici basano le loro decisioni sulla qualità, la creatività e gli aspetti tecnici di ogni pezzo. Il premio riflette in modo appropriato le ore infinite … spese per creare questa produzione eccezionale!».
Per il regista, K. Portbury, questa vittoria è un ritorno positivo all’investimento della Chiesa in questo progetto.

Il messaggio avvincente di Dillo al mondo continua ad andare avanti attraverso canali secolari, come IndieFest che «promuove i vincitori del premio attraverso comunicati stampa a oltre 40.000 registi, contatti del settore e altri cinque media e distributori globali». Non sappiamo, quindi, la misura dell’impatto che questa storia avrà nel mondo.

La versione italiana di Dillo al mondo, curata dal Dipartimento Comunizazioni dell’Uicca, è disponibile alla visione su Hope Channel Italia.