tedNews/Maol
– Nell’epoca del digitale come si possono raggiungere le persone per invogliarle allo studio della Bibbia? Tramite social media, siti web ottimizzati per dispositivi mobili, corsi biblici cartacei, App o con una combinazione di tutti questi mezzi?
Era la domanda rivolta ai rappresentanti delle tredici Regioni della chiesa mondiale, di Adventist World Radio (Awr), di Hope Channel, di Missione avventista, delle Comunicazioni e dell’Ufficio Global Internet della chiesa mondiale. Si sono incontrati tutti a Gerusalemme, dal 22 al 29 aprile 2018, per discutere sui modi più efficaci per promuovere lo studio della Bibbia agli oltre sette miliardi di abitanti della terra.

Fu nel 1942 che, per la prima volta, Voice of Prophecy Radio Ministry (Ministero Radio Voce della Profezia) introdusse i corsi biblici per corrispondenza gratuiti. Chiamata «The Bible School of the Air» (Scuola biblica dell’aria), fu un’idea che si divulgò a macchia d’olio e in un solo anno si diffuse in America centrale, Sudamerica e Africa meridionale. Era all’avanguardia! Nel giro di pochi anni sorsero corsi biblici per corrispondenza e programmi della Radio Voce della Profezia in oltre 100 Paesi.

Oggi ci sono 140 scuole bibliche per corrispondenza e succursali in circa 127 nazioni. Ma i tempi cambiano e i corsi per corrispondenza devono adattarsi alla cultura di Internet, con studi biblici digitali e altri metodi simili.

«Proprio come il fondatore di Voice of Prophecy usò l’ultima tecnologia del 1929, vale a dire le onde radio, così i corsi biblici per corrispondenza devono usare la tecnologia attuale a beneficio del vangelo», ha affermato il past. Kurt Johnson, direttore della scuola biblica di Voice of Prophecy International e assistente del Dipartimento Scuola del Sabato e Ministeri Personali della chiesa mondiale.

«Per condividere il messaggio del vangelo con le masse del pianeta» ha aggiunto «dobbiamo usare i percorsi attraverso i quali esse comunicano. Oggi non c’è solo la pagina stampata, ma telefoni cellulari, laptop e tablet. Dobbiamo usare la piattaforma digitale per comunicare la verità della Scrittura. Allo stesso tempo, dobbiamo ricordare che sono le relazioni personali, le amicizie, il passo irrinunciabile per un discepolato di successo».
In Italia, i corsi per corrispondenza esistono dal 1947 e sono stati seguiti da migliaia di allievi. Hanno lo scopo di promuovere lo studio della Bibbia, presentando temi spirituali, teologici, di attualità e storico-scientifici. L’ente Voce della Speranza propone due corsi biblici su carta (Scegli Gesù e Chi è Gesù?); e 18 da farsi tramite email. Per conoscere meglio i corsi vai su www.vocedellasperanza.it