Santa Abiusi – Venerdì 2 marzo, circa una settantina di sorelle, ma anche di fratelli, provenienti dalle varie realtà religiose della città di Bari, si sono incontrati nella chiesa cristiana avventista per celebrare insieme la Giornata Mondiale di Preghiera (Gmp) delle donne cristiane. La liturgia di quest’anno è stata preparata dalle donne del Suriname, un piccolo stato a nord del Brasile, vicino alla foresta amazzonica, e ha avuto come tema «Tutta la creazione di Dio è molto buona».

Per ricreare l’atmosfera di questo Paese, su un tavolo centrale è stata riprodotta la bandiera del Suriname e su di essa sono stati posti alcuni oggetti e prodotti tipici della nazione, insieme alla Bibbia e a una candela accesa. Abbiamo proiettato le immagini che ci hanno mostrato quanto è bella questa nazione che nessuno di noi finora conosceva. Sette donne hanno rappresentato le principali etnie che vivono in Suriname ed è stata evidenziata la loro capacità di convivere pacificamente, nonostante le differenze religiose e culturali.

Attraverso i canti e le letture bibliche, abbiamo ringraziato Dio per la bellezza del creato e ci siamo impegnati concretamente a fare la nostra parte per proteggerlo. Infatti, ogni partecipante, all’ingresso, ha ricevuto un cartoncino a forma di tartaruga marina, simbolo del Suriname e, durante un momento passato a riflettere, ognuno ha scritto sulla tartaruga un suo pensiero da voler mettere in pratica. Successivamente alcuni di questi pensieri sono stati letti ed hanno evidenziato il desiderio, da parte di tutti, di diffondere, per quanto ci è possibile, i valori che servono a non sciupare quanto di bello Dio ha creato per noi.

Un’altra azione concreta è stata la raccolta di un’offerta per un progetto organizzato da Adra in favore delle donne di una zona molto povera del Suriname.

La preghiera comunitaria ci ha uniti con una grande potenza che ha abbattuto le enormi distanze che ci separano da questa terra.

La serata si è conclusa con un buffet in cui sono stati offerti anche dei piatti tipici del Suriname, che alcune sorelle si sono cimentate a preparare. I momenti di convivialità servono a rinsaldare ancora di più i rapporti fraterni, grazie all’amicizia e alla conoscenza gli uni degli altri.

 

 

  

 

(Foto pervenute dalla comunità in oggetto)