I presidenti della Chiesa cristiana avventista mondiale, della Regione Intereuropea e dell’Uicca hanno iniziato il sabato insieme alla famiglia avventista in Italia, questa sera, nella chiesa cristiana avventista di Piazza Vulture.

Anche se con qualche minuto di ritardo, il benvenuto del pastore della chiesa ospitante, Cornelio Lupu, e vari canti hanno creato subito l’atmosfera spirituale del sabato.

Parole di caloroso benvenuto sono quelle del presidente Paris che ha dato uno speciale «buon sabato» alla chiesa intera presente in sala e collegata in streaming da tutta Italia.

«Sono felice di spendere questo sabato appieno» ha affermato «Ci sembra di anticipare in qualche modo quelli che vivremo in cielo, quando Gesù ritornerà».

Dopo aver salutato tutti gli ospiti, ha ricordato che domani sarà presente il past. Gianfranco Rossi, «icona della chiesa, che ha speso tanti anni della sua vita per la libertà religiosa in Italia. Ha aiutato studenti e lavoratori ad avere il sabato libero. 40 anni fa era più complicato, anche se le difficoltà rimangono anche oggi», ha affermato Paris.

Perché siamo qui? Ha poi chiesto. «Per avere con noi il presidente Wilson e poter celebrare insieme 90 anni di storia dell’Uicca e 30 anni della legge scaturita dall’intesa, che regola i rapporti tra lo Stato e la Chiesa cristiana avventista in Italia. La memoria è importante per capire chi siamo e dove dobbiamo andare».

Ted Wilson ha preso la parola e ha sorpreso tutti con un «Buonasera» in perfetto italiano, seguito da una valanga di parole in inglese. Ma è stato bello!

«Non vi scoraggiate» ha esortato, tradotto da Andreas Mazza, assistente al Dipartimento Comunicazioni dell’Eud «Dio ha un piano per voi. Con il progetto Coinvolgimento totale dei membri, ognuno di voi è impegnato per la missione di Dio».

Il past. Wilson, accompagnato dalla moglie Nancy, ha portato i saluti della chiesa mondiale. «È un grande onore essere stato invitato in Italia e in questi giorni in Italia vedremo anche tantissimi posti». Ha quindi ricordato che lunedì prossimo inizierà il convegno del Biblical Research Institute (Bri) proprio nella capitale, e «centinaia di fratelli e sorelle verranno qui a Roma per questo importante evento».

È stato il past. Mario Brito a tenere la predicazione che ha introdotto i presenti alla parola di Dio e offerto il nutrimento necessario per entrare al meglio nel tempo del sabato.

«Abbiamo un messaggio prezioso, che porta speranza, che va vissuto e portato agli altri», ha affermato. Un messaggio capace di cambiare la vita di coloro che lo accettano, di coloro che hanno preso una cattiva strada. Sta a noi annunciarlo.