ARnews/Maol
– La tempesta ha già colpito Samoa e ora è diretta verso le Figi. Le chiese, le scuole avventiste e molti edifici hanno subito notevoli danni da Gita, il ciclone tropicale di categoria 4, che ha spazzato Tonga, in Polinesia, nelle prime ore del 13 febbraio. Venti di circa 200 km orari e piogge hanno causato allagamenti diffusi e interruzioni di energia elettrica. L’edificio dove ha sede il Parlamento dell’isola è stato raso al suolo e molti tetti di abitazioni ed edifici sono volati via. Secondo i media, almeno tre persone sono state gravemente ferite.

Michael Peach, coordinatore per l’emergenza di Adra nella Regione Pacifico del sud,  ha fornito un aggiornamento ieri, dopo aver parlato con Saia Vaea Vea, presidente della Missione di Tonga. Al momento sono in corso le valutazioni dei danni al Beulah College, una scuola avventista nella capitale. Ha anche «contattato i pastori per quantificare i danni alle loro case e agli edifici delle chiese» ha affermato Peach. Gli spostamenti nell’isola sono difficili perchè le strade sono invase dai detriti.

Le scuole avventiste Beulah College, Beulah Primary e Hilliard Memorial Adventist hanno subito danni importanti. I tetti degli edifici sono stati divelti, tre abitazioni del personale sono inagibili e lo stabile delle arti industriali ha subito gravi lesioni. Tutte le scuole erano state chiuse dal governo che, il giorno prima, aveva dichiarato lo stato di emergenza in previsione dell’arrivo del ciclone.

Le chiese agibili sono state aperte per ospitare le famiglie sfollate, e il presidente della Missione avventista ha suggerito di distribuire delle tende che consentirebbero alle persone di avere un riparo nelle loro proprietà, utilizzare i propri servizi igienici e cucinare.

Lo scorso venerdì, Gita aveva colpito Samoa, provocando alluvioni e blackout diffusi. Nel fine settimana, il ciclone ha acquistato potenza mentre si dirigeva verso Tonga. Poi si è diretto verso le isole Fiji.

Il presidente dell’Unione avventista transpacifica, Maveni Kaufononga, ha espresso preoccupazione per tutte le persone colpite. «Sono molto dispiaciuto per i danni procurati dal ciclone Gita nelle isole del Pacifico, a Samoa e Tonga. Le nostre preghiere vanno a tutti gli abitanti in questo momento» ha affermato Kaufononga «Il Signore è con noi. Possano questi versetti darvi conforto: “Noi siamo afflitti in ogni maniera, ma non ridotti agli estremi; perplessi, ma non disperati; perseguitati, ma non abbandonati; abbattuti, ma non distrutti” (2 Co 4:8-9). Dio vi benedica tutti!».