Claudio Coppini
– Ho scritto la poesia «5 novembre» per raccontare un momento, nonostante tutto gioioso e lungo 63 anni, tra me e la mamma, e che resterà come ricordo di noi. Un piccolo, grande dono.

5 novembre
Son venuto a trovarti
alla grande casa
delle donne «smemorate»
con i dolcetti squisiti
delle grandi occasioni.
Sei seduta accanto alla finestra
che dà sul giardino,
sembri distratta
eppure come per magia
ti volti, mi guardi ti guardo
e sboccia largo il sorriso.
Mamma è il 5 novembre
ti ricordi?… capisco,
non ha importanza.
Anche se la memoria
è volata via,
quel sabato antico
che mi hai messo al mondo
è ancora qui, vicino-vicino
per sussurrarti
I love you.