Giorgio Bella – A Vallegrande, dal 3 al 5 maggio, si è svolto il raduno degli scout Aisa della Sicilia. Un’avventura emozionante, lontani dal mondo abitato, per contemplare le bellezze della natura. Un momento per «staccare» dalla routine quotidiana e permettere alla voce di Dio di parlare in modo forte e chiaro, contemplando e camminando nel suo creato.

Ai piedi di Vallegrande (Enna), in una cornice paesaggistica suggestiva, circa un centinaio di Tizzoni ed Esploratori si sono radunati per mettere alla prova le proprie capacità scoutistiche, vivendo immersi nella natura allo stato «primitivo» e affrontando i bisogni della vita senza le comodità di casa: costruzione di un rifugio per la notte con teloni e corde, punto fuoco e punto acqua.

Gli scout hanno raggiunto il luogo del rifugio partendo a piedi dalla sede di Vallegrande e, durante l’escursione, hanno contemplato la natura attraverso un percorso spirituale.

Il raduno è stato caratterizzato da svago, allestimento del fuoco da campo, giochi, escursioni e condivisione della Parola; ogni gruppo si è reso protagonista nel preparare i vari momenti. I ragazzi hanno apprezzato e capito l’importanza del gruppo, di fare parte cioè di un corpo che con armonia ha provveduto al benessere di tutti i suoi componenti. Ogni ragazzo si è reso utile e ha partecipato alla realizzazione di qualcosa per gli altri: chi ha cucinato, chi ha raccolto la legna, chi ha costruito il rifugio. Educare al servizio è uno dei nostri obiettivi.