Maol – Giovedì sera 10 ottobre, Ted N.C. Wilson, presidente della Chiesa avventista mondiale, ha aperto ufficialmente la sessione del Consiglio annuale che si svolge tradizionalmente in autunno. È uno dei due incontri annuali del Comitato esecutivo della Chiesa mondiale.

Il Comitato esecutivo è il secondo organo amministrativo della denominazione, dopo l’Assemblea mondiale che si svolge ogni cinque anni. Durante il Consiglio annuale, i membri del Comitato, comunemente denominati delegati, votano le politiche e i rapporti sulla gestione e il funzionamento della Chiesa.

Il Consiglio annuale è in corso presso la sede della Conferenza Generale, a Silver Spring, negli Stati Uniti. Si concluderà mercoledì 16 ottobre. Per l’Unione italiana sono presenti il presidente Stefano Paris ed il segretario Andrei Cretu.

Venerdì è stato dedicato a un evento di formazione per dirigenti e personale. Venerdì sera e sabato, i partecipanti hanno celebrato insieme il sabato, come gli avventisti di tutto il mondo. Oggi, 13 ottobre, sono iniziati gli incontri amministrativi che dureranno fino a mercoledì.

Ci sono 97 punti all’ordine del giorno, senza contare alcune indiscrezioni su temi aggiuntivi che potrebbero apparire senza preavviso. Quasi la metà dei punti sono nell’agenda generale, uno o due dei quali sono di grande importanza, ma la maggior parte sono costituiti da vari rapporti, sessioni di nomina per organizzazioni sussidiarie come Adra International e persino un promemoria della dichiarazione di missione della denominazione.

Vi sono otto punti nell’agenda “Constitution and Bylaws”. Si propongono modifiche a documenti legali della denominazione. Per la maggior parte si tratta semplicemente di cambiamenti linguistici qua e là.

L’agenda “Policy” presenta 34 punti. Vengono proposti emendamenti e integrazioni al Working Policy della Conferenza Generale, il volume di circa 800 pagine che indica in che modo la denominazione deve operare in tutte le sue varie organizzazioni e istituzioni.

L’agenda del Comitato di nomina ha un solo posto vacante da coprire. Si tratta del direttore associato del Dipartimento Affari Pubblici e Libertà Religiosa (Aplr) della Chiesa mondiale. Ovviamente, durante la riunione possono emergere altri posti vacanti.

L’agenda “Consent” ha 11 punti. Sono alcune proposte che vengono semplicemente adottate per il fatto che nessun membro del Comitato si oppone a nessuno di essi e quindi non innesca alcuna discussione. Si tratta per la maggior parte di calendari delle principali riunioni e giornate speciali programmate per i prossimi tre o quattro anni. Include anche le offerte che vengono raccolte nelle chiese di tutto il mondo.

Chi lo desidera, può seguire gli incontri, in inglese, in streaming sul sito: https://live.adventist.org/en/events/event/go/2019-10-11/2019-annual-council/

 

[Aggiornato il 14 ottobre, con fonte Adventist Today]