Maol –I Ministeri in favore dei Bambini (Mib) invitano a un momento speciale di preghiera, partendo dal testo biblico: «Ecco, io ti ho scolpita sulle palme delle mie mani» (Isaia 49:16).

Sabato 23 maggio, il penultimo del mese, informano dal Dipartimento Mib, celebreremo la Giornata mondiale di preghiera per i bambini e i ragazzi che vivono in situazioni di rischio e che coinvolge centinaia di migliaia persone in più di 40 nazioni.

La situazione dei più giovani in alcune zone del mondo era già tragica per numerosi motivi ma la pandemia dovuta al Covid-19 l’ha esasperata. Per esempio, già si prevedeva che il 2020 avrebbe fatto registrare la peggiore crisi umanitaria dai tempi della Seconda guerra mondiale per diverse ragioni ma, da un rapporto recentemente diffuso dall’Onu, si prevede che il numero di persone a rischio fame, a causa della crisi del coronavirus, raddoppierà.

Pensiamo ai più giovani che sperimentano il trauma della perdita di un proprio caro a causa del virus o che, in seguito alle norme di distanziamento sociale, vedono i genitori perdere il lavoro, o vivono abuso fisico e psicologico confinati in casa con adulti problematici. Queste dure prove si abbattono anche sulla loro giovane fede.

In tutto il mondo, aggiungono dai Mib, proseguono interventi, informazione, sostegno psicologico e istruzione a distanza per bambini e adolescenti impossibilitati a frequentare la scuola, in modo che la loro fede possa essere forte nel fatto che Dio non ci dimentica, che il nostro nome è scritto in modo indelebile sul palmo della sua mano, un luogo dove siamo sempre protetti nonostante quanto può accaderci nella vita.

Abbiamo molto per cui pregare, ma anche per agire! Unitevi a noi visitando https://bambini.uicca.it/giornata-mondiale-preghiera-per-per-bambini-e-ragazzi-che-vivono-in-situazioni-di-rischio-2020/, la pagina dedicata dal Dipartimento dei Ministeri in favore dei bambini, dove troverete materiale per questa giornata, ma anche suggerimenti per rendere la nostra preghiera un gesto concreto.