Intervista di Raffaele Battista a Stefano Pellegrini.

Raffaele Battista: Stefano Pellegrini, quando apriamo la pagina web di Villa Aurora notiamo subito molte novità! Ci vuoi parlare nella nuova impostazione grafica?
Stefano Pellegrini: L’aggiornamento del sito di Villa Aurora era in cantiere da diversi anni. Abbiamo voluto cambiare la veste grafica e presto vorremmo migliorarla ulteriormente per renderla più usabile con smartphone e tablet

R.B.: Quali difficoltà si incontrano quando si reimposta una pagina web?
S.P.: Le difficoltà di questo tipo di lavoro sono inizialmente di tipo progettuale: occorre mettersi nei panni di un nuovo utente e si cerca di rendere agevole la fruizione dei contenuti. Si lavora al miglioramento la struttura ad albero del sito e si cerca un layout della pagine che sia gradevole esteticamente ma soprattutto di facile lettura. In seconda battuta c’è la difficoltà legata alla programmazione del codice htlm, css, javascript, php e mysql che effettuiamo in ambiente linux con semplici editor di testo.

R.B.: Quali sono le collaborazioni, i punti salienti, le novità del sito?
S.P.: In passato abbiamo potuto avvalerci della collaborazione di volontari che venivano a Villa Aurora per dare il loro contributo. Voglio segnalare Samuel Gutierrez a cui si deve la realizzazione della versione precedente del sito di cui abbiamo conservato alcune parti grafiche e di codice. La nostra gratitudine va anche Josue Sanchez Carrillo che è stato determinante per la realizzazione del nuovo sito.
Abbiamo cambiato la homepage per dare maggiore risalto alle attività che si svolgono nell’Istituto. Ma, abbiamo anche cambiato ogni singola pagine del sito, aggiornandone il contenuto e migliorandone la leggibilità.
Abbiamo dato visibilità all’attività ricettiva de “la colonica” per coloro che hanno bisogno di un alloggio a Villa Aurora per motivi ospedalieri. Abbiamo elencato tutte le pubblicazioni dell’Istituto dal 1987 ad oggi ( qui ), e prevediamo di renderle scaricabili. Abbiamo anche arricchito il sito delle funzionalità offerte dalle mappe di Google e voglio ricordare a chi ci legge che è possibile vedere l’avanzamento, in tempo reale, dei lavori del nuovo convitto all’indirizzo http://villaaurora.it/cantiere.

R.B.: Ti sei ispirato a modelli esistenti?
S.P.: Sì certo, ma già stiamo guardando avanti e riteniamo che i nuovi siti di Università avventiste quali quelli di Heldeberg College (Sud Africa), Sagunto (Spagna) e Newbold (Inghilterra) stiano andando nella direzione giusta. Ringrazio Mattia Benini, nostro studente del teologico, per la segnalazione.

R.B.: Da parte mia, sono stato lieto di aver potuto collaborare con te per la pagina dei link ( e-books, download legali di risorse bibliografiche) e, in generale, per la presentazione dei servizi della nostra biblioteca. In questi tempi di crisi, le statistiche danno le biblioteche in netta ascesa.
Gli utenti di questo tipo di servizio sono molto aumentati. Si preferisce, infatti, chiedere in prestito un libro, consultarlo nelle sale di lettura, piuttosto che acquistarlo. Grazie anche alla nuova impostazione, sicuramente più attraente e funzionale, mi auguro che il nostro catalogo librario e delle riviste, sarà maggiormente consultato, sia dagli Operai che dai membri di chiesa della nostra Unione.

Invitiamo i lettori a visitare il nuovo sito www.villaaurora.it