Tiziano Rimoldi – Grazie alla generosità di membri singoli e famiglie che hanno donato dei fondi, anche quest’anno a Villa Aurora sarà possibile avere delle borse di studio per gli studenti di teologia provenienti dal campo avventista italiano (ma non necessariamente di nazionalità italiana!). Precisamente n. 4 borse di studio del valore di circa 3.250 euro, pari al 50 per cento della retta complessiva annuale (che comprende iscrizione, tasse accademiche, vitto e alloggio) per studenti residenti a tempo pieno che si iscrivano al 1° anno del corso di laurea in teologia (triennale) per l’anno accademico 2013-2014.

Le borse di studio saranno assegnate dal Consiglio di Presidenza dell’Istituto avventista di cultura biblica (Iacb), che valuterà le diverse candidature.

I candidati e le candidate interessati a concorrere per queste borse dovranno inviare i seguenti documenti:

1. Lettera motivazionale datata e firmata che esprima la propria vocazione al servizio nell’Opera in Italia;

2. Copia del diploma di maturità (o titolo equivalente) o laurea;

3. Lettera di raccomandazione della comunità avventista di provenienza;

4. Curriculum vitae, redatto se possibile utilizzando il modello c.d. «formato europeo»;

5. Per coloro che non sono cittadini italiani è necessario aggiungere copia di un documento attestante il regolare soggiorno in Italia e, se non si ha un diploma di maturità o di laurea italiano, dimostrare di avere una sufficiente padronanza della lingua italiana.

Il dossier completo dovrà essere inviato entro venerdì 23 agosto 2013:

– per posta elettronica a info@villaaurora.it (specificare in oggetto: Candidatura borsa di studio «Immanuel»);

– per posta ordinaria a: Istituto avventista di cultura biblica – Att.ne Segreteria Borse Immanuel – Via del Pergolino 12 – 50139 Firenze

L’Istituto assegnerà anche n. 2 borse di studio pari al 100 per cento delle tasse accademiche per studenti residenti a tempo pieno che si iscrivano al 1° anno della laurea magistrale in teologia (esclusi vitto, alloggio e iscrizione). Sarà sempre il Consiglio di Presidenza a valutare le candidature che dovranno pervenire sotto forma di lettera motivazionale datata e firmata entro la data e con le medesime modalità indicate sopra.

Colgo l’occasione per incoraggiare i fratelli e le sorelle del campo italiano a continuare a supportare l’Istituto con le loro preghiere e a prendere a cuore il futuro dell’Opera in Italia mettendo a disposizione dei fondi per la formazione di nuovi ministri di Dio, alimentando il «Piano nazionale delle tre vie».