E’ certamente questo un periodo di difficoltà dovuta all’emergenza sanitaria che sta, necessariamente, condizionando seriamente la nostra vita, le nostre abitudini e, infine, alcune nostre libertà.

Eccezionale è anche questo primo Sabato italiano in cui tutte le nostre chiese e luoghi di riunione resteranno chiusi su tutto il territorio nazionale, lasciandoci orfani del piacere del culto comunitario al Signore e dell’incontro fraterno, affettuoso e solidale. Dovremo limitarci all’incontro spirituale nella lode famigliare e attraverso i media che ci sono stati messi a disposizione a livello nazionale.

Il nostro primo pensiero è rivolto comunque a chi sta vivendo momenti di difficoltà, di malattia e ai famigliari delle persone scomparse anche a causa delle ulteriori complicazioni virali, chiedendo la guida e il sostegno dello Spirito Santo affinché ognuno di noi possa essere punto di riferimento e guida nei confronti del nostro prossimo, anche attraverso l’atteggiamento e le parole misurate, consapevoli, informate, rassicuranti seppur realiste, di speranza e conforto, che il Signore ci saprà ispirare.

Ma è proprio nei momenti di difficoltà e di crisi che la nostra lode, le nostre preghiere e suppliche, assumono un significato ancor più profondo e stimolano una relazione più stretta e coinvolgente con Gesù: “Io rievocherò i prodigi del SIGNORE; sì, ricorderò le tue meraviglie antiche, mediterò su tutte le opere tue e ripenserò alle tue gesta” (Salmo 77:11,12).

Purtroppo, la chiusura delle nostre chiese implicherà anche alcuni disagi rispetto alla gestione delle stesse e dei contributi che la nostra generosità ci ha sempre suggerito.

Per quanto riguarda la raccolta delle decime essa sarà fatta tramite la consueta busta durante il primo sabato utile in cui avremo la riapertura dei nostri luoghi di culto comunitari.

In questo mese di marzo sono previste due offerte speciali: la prima relativa al Servizio Volontario Avventista che viene normalmente raccolta alla fine della settimana di preghiera della Gioventù e quindi seguirà tale evento che suppongo sarà fissato in altra data nei calendari ecclesiastici di ogni comunità.

Per quanto riguarda la seconda, ovvero l’offerta mondiale per la radio AWR (Adventist World Radio) prevista per sabato 14 marzo, vi incoraggiamo a esercitare la vostra generosità inserendo l’importo, che in cuor vostro avrete deciso, nella busta della decima, in una delle colonne vuote a sinistra intestandola con la sigla “AWR”, nella riga del mese di marzo, oppure in una busta bianca sempre con la scritta “AWR” mettendola tra le offerte del sabato in cui tornerete a riunirvi in chiesa.

Stesse modalità potrete applicarla per le offerte della Scuola del Sabato e del XIII Sabato (di cui peraltro trovate già la colonna intestata subito dopo quella della decima).

L’ultima questione più delicata riguarda invece la raccolta delle offerte per il fondo unico della chiesa, necessarie per il mantenimento delle attività e dei servizi ecclesiastici locali. Alcune spese, come per esempio le bollette delle utenze, dovranno essere pagate alle scadenze previste nonostante la chiusura delle comunità alle riunioni e la mancanza di raccolta di offerte settimanali potrebbe mettere in seria difficoltà economica la vostra chiesa locale. Lascio pertanto agli anziani, tesorieri, e pastori di ogni singola comunità studiare e concordare con i membri contromisure efficaci per superare questi eventuali problemi.

Che la grazia del Signore Gesù Cristo, l’amore di Dio e la comunione dello Spirito Santo possano raggiungervi e confortarvi tutti, là dove siete.

Un abbraccio fraterno,
Gioele Murittu
Tesoriere Unione Italiana delle Chiese Cristiane Avventiste del Settimo Giorno