Betty Spinello – È stato necessario tanto coraggio per organizzare il primo raduno regionale degli scout Aisa del Lazio, ma alla fine ci siamo ritrovati dal 4 al 6 ottobre al BPPark di Bassano Romano, con i club di Roma Appia (solo il sabato), Roma filippina, Roma latinoamericana, Roma romena, Oriolo Romano e Roma Lungotevere. Quasi 150 partecipanti tra animatori e ragazzi.

Sotto un cielo stellato, attraversato da scie luminose che sembravano indicare la direzione da seguire, le parole di Gesù «Coraggio, sono io; non abbiate paura!» (Matteo 14:27), pronunciate dal past. Daniele Calà, echeggiavano nei nostri cuori alla ricerca del vero coraggio. Un coraggio che non ha nulla a che vedere con i vari giochi Challenge. Il coraggio di reagire con fede e senza paura alle sfide concrete della vita, come ha fatto il pilota automobilistico Alex Zanardi che, nonostante il brutto incidente in cui ha perso le gambe, non si è mai scoraggiato ed è sempre andato avanti con ottimismo e determinazione.

«Sicuramente i più coraggiosi sono coloro che hanno la visione più chiara di ciò che li aspetta, così della gloria come del pericolo, e tuttavia l’affrontano», sentenzia Tucidide, storico dell’antica Grecia. E in questo i vari giochi dei Tizzoni e degli Esploratori, in particolare il gioco di orientamento, ne sono stati una dimostrazione pratica. I nostri ragazzi hanno dovuto affrontare con coraggio diverse sfide vere, tra cui attraversare un torrente, perdersi nel bosco (ovviamente in gruppo e seguiti a distanza…), ecc.

Ma non solo. Durante la serata ricreativa, riscaldati dal fuoco e dalla cioccolata calda preparata dai nostri insuperabili cuochi, ragazzi e animatori hanno dimostrato grande coraggio, esibendosi sia attraverso la messaggeria sia con degli sketch umoristici.

Non dimenticheremo mai le risate che echeggiavano nella vallata e l’affetto spontaneo e libero che ci ha permesso di vivere dei momenti in armonia tra di noi e il cielo. Un cielo che ci è stato vicino, rischiarandoci di un arcobaleno colmo di speranza e riscaldandoci con il suo amore libero e incondizionato, perché anche per sperare e amare ci vuole coraggio. «Il segreto della felicità è la libertà, e il segreto della libertà è il coraggio» afferma ancora Tucidide.

Prima della partenza tutti ci hanno chiesto la data del prossimo raduno. Arrivederci a presto!