Bia/Ann – È stato il passo finale per la formazione di questo gruppo di lavoro. Le persone scelte rappresentano “una vasta gamma di pensieri e opinioni” in materia.
Il presidente della commissione, Artur Stele, vice presidente della Chiesa avventista mondiale,   chiede di pregare perché “abbiamo bisogno della guida del Signore”.
La commissione è stata costituita nel mese di settembre, a seguito di un impegno da parte dei dirigenti, durante la Sessione della Conferenza Generale del 2010, di esaminare la teologia della consacrazione. La Chiesa avventista mondiale permette alle donne di essere pastore in alcune parti del mondo, ma non permette o non riconosce la consacrazione delle donne.
Stele ha affermato che sono stati fatti dei passi per “assicurare che il processo sia aperto, equo e trasparente”. Ha quindi evidenziato quattro compiti della commissione: rivedere la storia dello studio sulla consacrazione nella Chiesa avventista del 7° giorno; sviluppare una teologia avventista del 7° giorno sulla consacrazione; studiare il tema della consacrazione delle donne al ministero del Vangelo; negli ambiti di disaccordo, concentrarsi su possibili soluzioni che sostengano il messaggio, la missione e l’unità della Chiesa avventista.
Il comitato direttivo della commissione si è già riunito due volte, e la prima riunione plenaria è fissata per il mese prossimo, ha affermato Stele.
La commissione dovrà terminare il suo lavoro nell’estate del 2014. Sarà poi il Consiglio annuale della Conferenza Generale del 2014 che deciderà quali azioni proporre alla Sessione 2015 della Conferenza Generale.
“La Commissione per lo studio della teologia della consacrazione inizia il suo lavoro affidandosi totalmente alla guida di Dio”, ha ribadito ancora Stele. “Vi chiediamo di pregare perché ci sia lo spirito giusto e l’apertura alla leadership divina”, ha concluso.