Michele Gaudio – La chiesa avventista di Trieste ha costituito nei propri locali una biblioteca, seppur ancora piccolina, da aprire al pubblico in determinati orari. Lo scopo è di offrire un nostro modesto contributo di servizio al mondo della cultura protestante della città, in una prospettiva avventista. La biblioteca avventista si unisce alla biblioteca elvetico-valdese, metodista e luterana, già presenti da molti anni, e costituisce con esse il «Polo delle Biblioteche Evangeliche di Trieste», il quale aderisce all’Opac.

Ogni biblioteca resta indipendente con un proprio regolamento e orientamento, ma insieme si vuole essere presenti e visibili nel tessuto dell’informazione e della diffusione del messaggio evangelico con tutto il patrimonio letterario e peculiare in possesso di ogni confessione religiosa.

Bisogna sapere che ogni anno studenti dell’Università di Trieste ci visitano, in quanto nel corso della loro formazione accademica di diritto, sono chiamati ad interrogare aspetti delle fedi religiose presenti nella città, tra le quali noi avventisti. La biblioteca diventerebbe un luogo di ricerca, un punto di riferimento per questi studenti e professori, offrendo anche l’accesso ad Internet.

Contributi alla realizzazione
Questo progetto è stato facilitato grazie alla donazione del mobilio occorrente e di una postazione PC da parte di due sorelle della chiesa di Trieste e da tutti coloro che hanno contribuito ad offrire dei volumi e riviste. Si ringrazia per questo tutti i membri della comunità triestina; quelli della comunità di Pordenone; le Edizioni Adv di Firenze che ci fornirà quanto in suo possesso per completare la letteratura avventista italiana; la Regione Intereuropea della Chiesa che, nella persona di Paolo Benini, ci offrirà tutti i libri editi dal Comitato di Ricerche Bibliche della Chiesa mondiale; l’Aiso (Associazione italiana studi sulle origini) che farà lo stesso per le sue pubblicazioni; e Giovanni De Meo (chiesa avventista di Perugia) per alcuni suoi preziosi documenti e dati storici. Si ringrazia anche il past. Marco Emanuele Casci (chiesa metodista di Udine), il quale sta contribuendo con dei libri in suo possesso, e la rivista protestante Riforma che offrirà tre annate (2016-2018) del settimanale.

Un archivio storico
Crediamo che a partire da aprile-maggio 2019 potremmo iniziare la catalogazione. Vogliamo creare un vero archivio storico della nostra letteratura ricostituendo quanto più è possibile le annate delle nostre riviste e recuperando libri non più editati. Sarebbe bello che ogni comunità avventista avesse uno spazio dove conservare la memoria letteraria! Stiamo anche studiando con i dirigenti di chiesa locale la possibilità di intitolare la biblioteca a un personaggio di rilievo per l’avventismo triestino, una targa esterna che renda pubblico tutti i nostri servizi ed un volantino per la pubblicità.

Appello
Vorremmo fare un appello a tutti coloro che avessero nelle loro case o chiese libri o riviste che non utilizzano più e che rischiano di essere buttati, di contattarci per vedere se possiamo recuperarli ed essere utili al progetto di questa biblioteca della chiesa di Trieste. Siamo interessati, oltre che alla nostra letteratura chiaramente, solo a libri religiosi, teologici, storici, storia della chiesa, patristica, psicologia e salute, in ogni lingua. Raccogliamo anche Bibbie in diverse lingue e innari avventisti di altri Paesi. Vi preghiamo di non inviare nulla senza averci prima contattato. Chi fosse interessato a collaborare può contattare il past. Michele Gaudio (345 5599605 – m.gaudio@avventisti.it) o scrivere direttamente alla biblioteca: trieste.biblioteca@avventista.it  Vi ringraziamo per l’attenzione.