Maol – L’uragano Dorian, che ha devastato le Bahamas una settimana fa, ha distrutto case, attività commerciali e infrastrutture sulle isole Grand Bahama e Abaco. I dirigenti avventisti ricevono lentamente le notizie sulla situazione dei membri di chiesa. Finora è stato confermato che una delle 43 vittime è un avventista di Grand Bahama. Ad Abaco, non manca nessun membro all’appello, ma molti sono gravemente feriti e ricoverati negli ospedali di Nassau, capitale delle Bahamas.

«Sappiamo che il 90% delle infrastrutture di entrambe le isole è stata distrutta e alcune persone sono state evacuate negli ultimi giorni» ha affermato Michael Smith, direttore delle Comunicazioni presso l’Unione avventista Atlantic Caribbean «Le famiglie pastorali hanno superato la tempesta e si fanno coraggio». Il governo teme che il numero delle vittime possa aumentare con il passare dei giorni perché migliaia di persone risultano ancora disperse.

Chiesa in azione
Gli avventisti di Grand Bahama sono subito intervenuti nell’emergenza sfollati. Ogni giorno distribuiscono circa 400 pasti caldi. «Quotidianamente arrivano a Nassau persone evacuate e i nostri membri sono in prima linea nel prestare assistenza» ha spiegato Smith. Il 6 settembre un gruppo ha collaborato con la squadra di autobus per trasportare 400 sfollati nelle strutture messe a disposizione dalle autorità.

Per portare le provviste, la chiesa ha noleggiato un aereo da Nassau a Grand Bahama. Intanto i membri si sono riuniti  nelle case rimaste in piedi, il sabato, per il culto e in seguito hanno condiviso pasti caldi con il resto del quartiere.

L’agenzia nazionale per le emergenze nelle Bahamas ha chiesto alla chiesa avventista di fornire indumenti per neonati e bambini, per cui si sta comprando e raccogliendo il materiale per preparare i pacchi. Le chiese locali usano i propri fondi per comprare ciò che serve nell’emergenza.

Il primo ministro delle Bahamas ha chiesto ai residenti di accogliere le famiglie di sfollati durante questo periodo critico e le comunità avventiste hanno creato un database di membri disposti a fare spazio nelle loro case per aiutare coloro che non hanno un posto dove stare.

Scuola avventista colpita
Cheryl Rolle, segretario esecutivo dell’Unione avventista Atlantic Caribbean, ha riferito oggi che l’Accademia Grand Bahama di Freeport è stata colpita dalle inondazioni e che la maggior parte delle case delle famiglie degli studenti e degli insegnanti sono state distrutte o danneggiate. Gli psicologi della scuola hanno già incontrato i membri e la cittadinanza nelle chiese di Grand Bahama per ascoltare le storie dei sopravvissuti e offrire consigli su come accettare la perdita e l’essere sfollati.

Assistenza e soccorso
Quando l’uragano Dorian è arrivato sulle Bahamas settentrionali, Jose A. Rodríguez, presidente della chiesa avventista di Puerto Rico, si è rapidamente trasferito per raccogliere fondi per aiutare le persone colpite nel territorio dell’Unione Atlantic Caribbean.

«Abbiamo già inviato alcuni fondi per aiutare i membri della chiesa colpiti da Dorian e continueremo a inviarne altri per assistere tutte le persone colpite sulle due isole» ha dichiarato Rodríguez. Il progetto è di mantenere una mensa a Grand Bahama e Abaco a tempo indeterminato.

Smith ha incoraggiato i leader a coinvolgere i giovani nell’aiutare gli altri in questa tragedia che ha prodotto molta disperazione. Ha anche ringraziato la dirigenza della della Divisione Interamericana per le preghiere e il sostegno finanziario dopo l’uragano. «Ci vorrà del tempo per ripristinare tutto e tornare alla normalità» ha concluso.
[lf]

[Fonte: Adventist News Network]