Maol – Partirà nel 2020 il nuovo programma accademico «Ellen G. White and Adventist Studies», sponsorizzato dalla Chiesa mondiale per migliorare la conoscenza e le competenze sulla vita e l’opera della cofondatrice della denominazione. Questo certificato post-laurea è un impegno congiunto dell’Ellen G. White Estate e della Andrews University, l’ateneo avventista di Berrien Springs, negli Stati Uniti.

«Ho pregato per anni affinché Dio aprisse una strada in modo da poter offrire questa opzione» ha affermato Merlin Burt, docente di storia della chiesa alla Andrews e direttore del Center for Adventist Research. «Volevamo» ha aggiunto «un programma per coloro che insegnano Ellen G. White, affinché capiscano meglio i problemi e li presentino in modo positivo».

L’iniziativa accademica sarà di livello post-master e includerà sessioni intensive nell’arco di tre anni, in quattro sedi nel mondo. Circa la metà dei crediti si potrà trasferire a un programma di dottorato. Le lezioni saranno gratuite, ma posso ospitare solo 30 iscritti in ogni località. Saranno le Regioni della Chiesa a raccomandare i loro studenti e a coprire le spese di trasferta.

Obiettivi
Uno degli obiettivi principali del programma è quello di formare ed equipaggiare gli insegnanti di studi avventisti, di studi su Ellen G. White e i direttori dei centri Ellen G. White. «Vorremmo che questo programma informasse pastori, professori e leader in tutto il mondo» ha precisato Burt «[Il nuovo corso] ci aiuterà anche a condurre ricerche efficaci negli studi di Ellen White e nella teologia e la storia avventista».

Gli avventisti credono che Ellen G. White abbia esercitato il dono biblico della profezia negli oltre 70 anni di ministero pubblico. È la ragione per cui un obiettivo finale del programma, ha spiegato Burt, è che gli studenti siano in grado di «articolare una comprensione biblica e teologicamente valida del dono profetico manifestato attraverso Ellen G. White».

Missione e identità
Il corso, che riceverà contributi dal Dipartimento Educazione della Chiesa mondiale, dal Biblical Research Institute e dall’Office of Archives, Statistics, and Research, non riguarderà solo gli accademici, ha tenuto a sottolineare Lisa Beardsley-Hardy, responsabile del Dipartimento Educazione, «si tratta anche di missione. È un modo per rafforzare l’identità avventista del settimo giorno».

«Un’identità si forma e si sviluppa attraverso le esperienze, ricordando il modo in cui Dio ha operato nella nostra storia e in varie parti del mondo» ha aggiunto Beardsley-Hardy.

Il feedback sull’iniziativa è positivo.

«Siamo grandi sostenitori di questo programma e ne siamo molto entusiasti» ha dichiarato il Delbert Baker, vice-rettore dell’Università avventista dell’Africa (Aua). L’ateneo è una delle quattro sedi internazionali che ospiterà il corso. Gli altri tre sono: Adventist International Institute of Advanced Studies (Aiias) nelle Filippine; Peruvian Union University (UPeU) in Perù; Polish Senior College of Theology and Humanities in Polonia. Le lezioni saranno in inglese in tre dei campus e in spagnolo presso l’UPeU. L’inizio del primo corso è previsto per febbraio 2020, nell’Istituto filippino.
[lf]

 

[Fonte: Marcos Paseggi, Adventist Review. Foto: Adventist News Network]