Maol – In un recente post sul suo blog, Mike Glenn ha scritto:

«Il filosofo danese Søren Kierkegaard racconta la storia di alcuni ladri che fecero irruzione in una gioielleria e non rubarono nulla; semplicemente riorganizzarono i cartellini dei prezzi. La mattina seguente, i gioielli costosi furono venduti come se fossero bigiotteria e i monili falsi andarono via al prezzo di quelli veri. La sua conclusione è ovvia: viviamo in un mondo in cui qualcuno ha risistemato i cartellini dei prezzi.

L’ambito in cui questo scambio è più evidente è quello dell’autostima. Nella nostra cultura, le persone sono apprezzate per il loro aspetto, per quello che possono fare o anche per quello che hanno, ma raramente per quello che sono. Nel nostro mondo, devi essere bello secondo gli standard matematici (e sì, c’è una formula per la bellezza basata sulle proporzioni), divertente (non di talento, ma divertente), e se non lo sei, il mondo non ha posto per te. Se non riesci a entrare in una qualche lista dei top 100 del mondo, non sei nulla.

Questa pressione sull’autostima ha conseguenze devastanti nella vita dei giovani che arrivano a commettere atti atroci per dimostrare a qualcuno di essere uomini. Le ragazze sono coinvolte in relazioni distruttive perché a loro viene detto che non sono niente se non seguono gli standard culturali.

Ogni settimana penso a quanto sia importante il messaggio del Vangelo: sei amato! Non hai fatto nulla per guadagnarlo o meritarlo, ma Dio lo dona liberamente! È grazia! Sei creato a immagine di Dio che ha pagato con la sua morte e ti invita a vivere in modo nuovo con lui, nella sua risurrezione. Sei incredibilmente prezioso ed è solo il messaggio di Gesù a dirtelo.

I dipinti sono preziosi perché l’artista li firma. Ora, prendi qualche minuto e immagina: quanto varresti per un museo se potessi mostrare la firma di Dio su di te. Questo è ciò che significa Imago Dei: Dio, il più grande Artista, ha firmato te e me. La nostra autostima non si fonda su ciò che abbiamo fatto, ma su chi ci ha creati.

Siamo considerati belli non da uno standard arbitrario stabilito dal mondo, ma dal nostro Creatore. Dio ci ha creati e ci ama. Questo ci rende tutti belli, perché siamo portatori della bellezza di Dio.

Se sai quanto vali, le cose cambiano. La tua vita cambia. Cosa cambieresti nella tua vita, ora che hai compreso il grande valore che Dio ti ha dato?».
[lf]

[Fonte: stewardship.adventist.org]